Chiudi

Qualità, ambiente e salute

“Vini di qualità, nel rispetto dell'ambiente” questo è il motto alla Cantina Bronzo. Il legame tra il viticoltore e la sua terra, il rispetto e la cura che questo ha per il suo vitigno e l’ambiente circostante, l’orgoglio nel poter offrire ai propri ospiti, grandi e piccini, un prodotto e un luogo sano e puro; queste sono le semplici motivazioni che spingono la Famiglia Bronzo a seguire i principi dell’agricoltura e della produzione biologica. Piccoli e grandi gesti che fanno la differenza, sia per la nostra Madre Terra, che per la gamma di vini Bronzo!

Accorgimenti particolari vengono seguiti nei primi 3 anni del vigneto, in modo da evitare sprechi d’acqua e favorire l’idratazione e, nel lungo termine, l’autonomia idrica delle piante. La tecnica dell’inerbimento, combinata con la coltivazione a filare, esalta la qualità enologica delle uve: il vigore diminuisce e la maturazione è più completa e omogenea. Non vengono utilizzati diserbanti ed è garantita la sostenibilità ecologica del vigneto in relazione alla conservazione del suolo e alla capacità di introdurre nel sistema acqua ed energia solare. La Cantina Bronzo difende il suo vigneto seguendo le raccomandazioni dell’agricoltura biologica, che vieta alcuni trattamenti chimici, ritenuti più dannosi dell’insetto stesso!

I nostri vini contengono una quantità minima di solfiti. I solfiti sono una sostanza sempre presente nel vino, perché prodotti in modo naturale dalla fermentazione alcolica; tuttavia, generalmente vengono aggiunti al vino come conservanti. Mentre la legge in Italia ne ammette circa 150-250 mg/l, i vini della Cantina Bronzo contengono tra i 10 e i 20 mg/l di solfiti, poco più della quantità naturalmente prodotta dalla fermentazione (10mg/l). Ne è prova il fatto che nessuno ha mal di testa dopo aver bevuto i nostri vini!

Le strutture della Cantina Bronzo sfruttano le risorse energetiche rinnovabili e sono conformi agli standard di efficienza energetica degli edifici, grazie all’installazione di pannelli solari e all’isolamento termico degli stabili.